Browsing Italian translation

Don't show this notice anymore
Before translating, be sure to go through Ubuntu Translators instructions and Italian guidelines.
14 of 4 results
156.
Apache is configured by placing <emphasis>directives</emphasis> in plain text configuration files. The main configuration file is called <filename>apache2.conf</filename>. In addition, other configuration files may be added using the <emphasis>Include</emphasis> directive, and wildcards can be used to include many configuration files. Any directive may be placed in any of these configuration files. Changes to the main configuration files are only recognized by Apache2 when it is started or restarted.
Apache viene configurato inserendo delle <emphasis>direttive</emphasis> in alcuni file di configurazione (file di testo semplice). Il file di configurazione principale è <filename>apache2.conf</filename>. È possibile aggiungere altri file di configurazione utilizzando la direttiva <emphasis>Include</emphasis>; è consentito l'uso di metacaratteri per includere più file di configurazione in una sola direttiva. All'interno di questi file di configurazione può essere utilizzata qualsiasi direttiva. I cambiamenti al file di configurazione principale sono riconosciute solo all'avvio o al riavvio di Apache2.
Translated and reviewed by Milo Casagrande on 2008-09-08
In upstream:
Apache viene configurato inserendo delle <emphasis>direttive</emphasis> in alcuni file di configurazione (file di testo semplice). Il file di configurazione principale è <filename>apache2.conf</emphasis>. È possibile aggiungere altri file di configurazione utilizzando la direttiva <emphasis>Include</emphasis>; è consentito l'uso di metacaratteri per includere più file di configurazione in una sola direttiva. All'interno di questi file di configurazione può essere utilizzata qualsiasi direttiva. I cambiamenti al file di configurazione principale sono riconosciute solo all'avvio o al riavvio di Apache2.
Suggested by Luca Ferretti on 2006-06-16
Shared:
Apache viene configurato inserendo delle <emphasis>direttive</emphasis> in alcuni file di configurazione (file di testo semplice). Il file di configurazione principale è <filename>apache2.conf</emphasis>. È possibile aggiungere altri file di configurazione utilizzando la direttiva <emphasis>Include</emphasis>; è consentito l'uso di metacaratteri per includere più file di configurazione in una sola direttiva. All'interno di questi file di configurazione può essere utilizzata qualsiasi direttiva. I cambiamenti al file di configurazione principale sono riconosciuti solo all'avvio o al riavvio di Apache2.
Suggested by Milo Casagrande on 2009-06-30
Located in serverguide/C/web-servers.xml:63(para)
161.
Apache2 ships with a virtual-host-friendly default configuration. That is, it is configured with a single default virtual host (using the <emphasis>VirtualHost</emphasis> directive) which can modified or used as-is if you have a single site, or used as a template for additional virtual hosts if you have multiple sites. If left alone, the default virtual host will serve as your default site, or the site users will see if the URL they enter does not match the <emphasis>ServerName</emphasis> directive of any of your custom sites. To modify the default virtual host, edit the file <filename>/etc/apache2/sites-available/default</filename>. If you wish to configure a new virtual host or site, copy that file into the same directory with a name you choose. For example, <command>sudo cp /etc/apache2/sites-available/default /etc/apache2/sites-available/mynewsite</command> Edit the new file to configure the new site using some of the directives described below.
Apache2 viene fornito con una configurazione predefinita di un singolo host virtuale. L'host virtuale viene definito attraverso la direttiva <emphasis>VirtualHost</emphasis> che può essere usata così com'è, se si dispone di un unico sito, oppure modificata per aggiungere altri host virtuali, a seconda delle necessità. Se viene lasciato solo un host virtuale, questo diventa il sito predefinito o il sito che gli utenti vedono se l'URL inserito non corrisponde a nessuna direttiva <emphasis>ServerName</emphasis> di altri siti. Per cambiare l'host virtuale predefinito, modificare il file <filename>/etc/apache2/sites-available/default</filename>. Per configurare un altro host virtuale o un altro sito, bisogna copiare il file all'interno della stessa directory cambiandone il nome. Per esempio <command>sudo cp /etc/apache2/sites-available/default /etc/apache2/sites-available/mynewsite</command>. Modificare quindi il nuovo file di configurazione usando alcune delle direttive descritte in seguito.
Translated and reviewed by Milo Casagrande on 2008-09-08
In upstream:
Apache2 viene fornito con una configurazione predefinita di un singolo host virtuale. L'host virtuale viene definito attraverso la direttiva <emphasis>VirtualHost</emphasis> che può essere usata così com'è, se si dispone di un unico sito, oppure modificata per aggiungere altri host virtuali, a seconda delle necessità. Se viene lasciato solo un host virtuale, questo diventa il sito predefinito o il sito che gli utenti vedono se l'URL inserito non corrisponde a nessuna direttiva <emphasis>ServerName</emphasis> di altri siti. Per cambiare l'host virtuale predefinito, modificare il file <filename>/etc/apache2/sites-available/default</filename>. Se si desidera configurare un altro host virtuale o un altro sito, bisogna copiare il file all'interno della stessa directory cambiandone il nome. Per esempio <command>sudo cp /etc/apache2/sites-available/default /etc/apache2/sites-available/mynewsite</command> Modificare quindi il nuovo file di configurazione usando alcune delle direttive descritte in seguito.
Suggested by Milo Casagrande on 2007-03-25
Shared:
Apache2 viene fornito con una configurazione predefinita di un singolo host virtuale. L'host virtuale viene definito usando la direttiva <emphasis>VirtualHost</emphasis> che può essere usata, così com'è se, si dispone di un unico sito, oppure modificata per aggiungere altri host virtuali, a seconda delle necessità. Se viene lasciato solo un host virtuale, questo diventa il sito predefinito o il sito che gli utenti vedono sel l'URL inserito non corrisponde a nessuna direttiva <emphasis>ServerName</emphasis> di altri siti. Per cambiare l'host virtuale predefinito, modificare il file <filename>/etc/apache2/sites-available/default</filename>. Se si desidera configurare un altro host virtuale o un altro sito, bisogna copiare il file all'interno della stessa directory cambiandone il nome. Per esempio <command>sudo cp /etc/apache2/sites-available/default /etc/apache2/sites-available/mynewsite</command> Modificare quindi il nuovo file di configurazione usando alcune delle direttive descritte in seguito.
Suggested by Milo Casagrande on 2006-06-06
Located in serverguide/C/web-servers.xml:93(para)
189.
The ServerAdmin directive within the VirtualHost stanza is the email address used in the footer of error pages if you choose to show a footer with an email address on the error pages.
La direttiva ServerAdmin all'interno di VirtualHost è l'indirizzo email usato nel piè di pagina nella pagine di errore, nel caso in cui si scelga di visualizzare un piè di pagina.
Translated and reviewed by Milo Casagrande on 2008-09-08
In upstream:
La direttiva ServerAdmin all'interno di VirtualHost, è l'indirizzo email usato nel piè di pagina nella pagine di errore nel caso in cui si scelga di visualizzare un piè di pagina.
Suggested by Milo Casagrande on 2007-03-25
Shared:
La direttiva ServerAdmin all'interno di VirtualHost, è l'indirizzo email usato nel piè di pagina nelle pagine di errore nel caso in cui si scelga di visualizzare un piè di pagina.
Suggested by Milo Casagrande on 2009-06-30
Located in serverguide/C/web-servers.xml:345(para)
2030.
translator-credits
Put one translator per line, in the form of NAME <EMAIL>, YEAR1, YEAR2
To prevent privacy issues, this translation is not available to anonymous users,
if you want to see it, please, log in first.
Translated and reviewed by Milo Casagrande on 2009-11-17
In upstream:
Launchpad Contributions:
Agente Roger https://launchpad.net/~agente.roger
Claudio Di Vita https://launchpad.net/~cdivita
Daniele de Virgilio https://launchpad.net/~erunamo
Giuseppe Terrasi https://launchpad.net/~peppe84
Leo Iannacone (L3oN) https://launchpad.net/~l3on
Lorenzo Z. https://launchpad.net/~lorenzo-zolfa
Luca Ferretti https://launchpad.net/~elle-uca
Matthew East https://launchpad.net/~mdke
Maurizio Moriconi https://launchpad.net/~bugman
Milo Casagrande https://launchpad.net/~milo
Negri Matteo https://launchpad.net/~negri-matteo
Nicola Piovesan https://launchpad.net/~piovesannicola
Paolo Naldini https://launchpad.net/~hattory
Roberto Di Girolamo https://launchpad.net/~robydigi91
Trapanator https://launchpad.net/~trapanator
Vincenzo Consales https://launchpad.net/~aquarius987
Virusbuster https://launchpad.net/~claudio-gilardoni
Volans https://launchpad.net/~volans
Suggested by Milo Casagrande on 2008-04-13
Shared:
Launchpad Contributions:
Vincenzo Salmena https://launchpad.net/~vince-89
stian1990 https://launchpad.net/~crizan90
Suggested by Milo Casagrande on 2012-02-20
Located in serverguide/C/backups.xml:0(None)
14 of 4 results

This translation is managed by Traduttori Italiani del software di Ubuntu, assigned by Ubuntu Translators.

You are not logged in. Please log in to work on translations.

Contributors to this translation: Agente Roger, CarloStrati, Claudio Di Vita, Daniele de Virgilio, Guybrush88, Leo Iannacone, Lorenzo Zolfanelli, Luca Ferretti, Matthew East, Maurizio Moriconi, Milo Casagrande, Milo Casagrande, Negri Matteo, Nicola Piovesan, Roberto Di Girolamo, Roberto Lacava, Vincenzo Consales, Vincenzo Salmena, Volans, ydioma2005.